LogoLogo

ROSETO DEGLI ABRUZZI, Provincia di Teramo, Abruzzo

Roseto Rinomata località di turismo estivo, Roseto degli Abruzzi, situata tra i fiumi Tordino e Vomano, affascina il visitatore con le eleganti ville tardo-ottocentesche e la tranquilla accoglienza familiare. Il turismo è oggi la risorsa principale, anche se sono presenti sul territorio aziende alimentari e vinicole, ed è sviluppata la produzione di cereali, barbabietole e uve da vino.

In breve

Altitudine: 5m s.l.m -- Distanza da Teramo: 34 km
Popolazione: circa 2100 abitanti
Codice Postale: 64026
Prefisso Telefonico: 085
COME ARRIVARE: autostrada: A14 uscita Roseto
- strada: s.s. 16 Adriatica, S.S. 150 da Teramo

Altre Province dell'Abruzzo

Le Regioni Italiane

Follow us on Facebook:

Luoghi d'interesse

  • Chiesa della Santissima Annunziata - In Montepagano, 7 Km from Roseto. Custodisce un bellissimo coro ligneo del 1600 con una statua dell'Annunciazione del secolo XV, una croce processionale del 1500 in argento di Pietro Santi, un pulpito in noce ed un organo del XVII secolo.
  • Chiesa di S. Maria Assunta - Anticamente chiamata Chiesa di S. Filomena, l'edificio attuale fu costruito ai primi del 1900; presenta un bell'altare in terracotta e vi si può ammirare il dipinto "La Sacra Famiglia" opera del rosetano Pasquale Celommi (1851 -1928) riprodotta su francobollo in occasione del sessantesimo anniversario della morte del pittore.
  • Cappella "Russicum" - Sorge nei pressi della villa Paris, ed è chiesa di rito ortodosso, ricca di affreschi e icone.
  • Pinacoteca Comunale - Si trova nella Villa Comunale (ex Villa Ponno) al centro di Roseto degli Abruzzi. Conserva significative opere di artisti rosetani: i pittori Pasquale, Raffaello, e Luigi Celommi, il ceramista Pier Giuseppe Di Blasio e l'ebanista Antonio De Simone.
  • Museo della Cultura Materiale - Ubicato in Montepagano di Roseto, conserva testimonianze sui mestieri del passato, oggetti ormai scomparsi dall'uso quotidiano, istituzioni e personaggi locali, immagini e fotografie.
  • Biblioteca Pubblica, aperta nel 1860, con oltre 15.000 volumi.
  • Collezione D'Ilario, presso la Villa Comunale, biblioteca dello spettacolo e sede di un Istituto Dialettologico Abruzzese.
  • la Torre medievale in Montepagano, con la sommità restaurata in stile barocco.

Eventi

  • 2 luglio: Festa del Sacro Cuore
  • Agosto: Sagra del Vino
  • Estate: Torneo internazionale di Basket "Lido delle Rose"
  • Luglio - Agosto: Spettacoli musicali estivi

Hotel, Ristoranti


La storia

I numerosi ritrovamenti archeologici dimostrano che il territorio dell'attuale Roseto degli Abruzzi fu abitato già in Epoca Romana. Montepagano per secoli fu il principale centro della zona. Tracce delle antiche fortificazioni medioevali di Montepagano sono ancora identificabili nelle quattro porte d'ingresso e nel campanile romanico-barocco, in cotto, un tempo appartenente alla scomparsa chiesa di Sant'Antimo. Viene citato in numerosi documenti sia per la presenza dell'Imperatore Lotario sia per la sua appartenenza all'Abbazia di San Giovanni in Venere. Nel 1251 fu compreso nella Diocesi di Atri, di nuova formazione. Nel 1424 la famiglia d'Acquaviva ottenne il territorio di Montepagano che conserverà fino all'occupazione francese nel 1806 e conseguente soppressione della feudalità.

Roseto degli Abruzzi nacque ufficialmente come comune il 22 Maggio 1860 con il nome di "Le Quote", un borgo rurale della prima metà del secolo, emanazione del borgo medievale di Montepagano ubicato sulla sommità della collina. Altra importante frazione del Comune di Roseto è Cologna, di origine romana, più volte citata in documenti medievali soprattutto in relazione alla presenza del Monastero di San Salvatore in Bozzino.

Successivamente, in seguito all'inaugurazione della stazione ferroviaria, nel 1887 il nome fu cambiato in Rosburgo: proprio in questo periodo viene edificato il primo albergo per iniziativa dell'enologo Giovanni Thaulero. Solo nel 1927 Rosburgo assunse l'attuale denominazione di Roseto degli Abruzzi, dovuta alla presenza di favolosi cespugli di rose che, un tempo, decoravano l'esterno delle piccole case dei pescatori. In breve tempo si è affermata come localita' turistica ed è stata una delle prime Aziende di Soggiorno della Regione.

Link suggeriti